Sign In

Remember Me

Manifesto del Gruppo Falconieri U.R.C.A. (GFU)

Premesse:

1. la Falconeria dal momento della sua nascita, oltre 4.000 anni fa, è sempre stata la caccia agli
animali selvatici nell’ambiente naturale, praticata per mezzo di rapaci diurni addestrati dall’uomo a questo
scopo;

2. nessun altro utilizzo dei rapaci diurni da parte dell’uomo, oltre la caccia, deve essere definito
“Falconeria”;

3. lo scopo del gruppo consiste nell’assicurare il “bene della Falconeria” cioè la conservazione
ed il rispetto della pratica e dell’identità della Falconeria nel tempo;

4. i due principi cardine da seguire sono:
a) tendere al principio “ideale” della Falconeria classica, intesa come caccia con i rapaci
diurni, in modo che venga rammentato e non venga perduto;
b) tendere al massimo rispetto delle leggi che regolano la Falconeria nel momento storico
contingente. Chi trasgredisce la legge non solo infanga sé stesso, ma favorisce la
diffamazione della disciplina in generale;

5. essendo la Falconeria una forma di caccia sottomessa a leggi statali in tutti i paesi
occidentali, i Falconieri del gruppo devono adoperarsi per conservare e migliorare la
legislazione venatoria nazionale che la regolamenta e la tutela;

6. l’approvazione definitiva delle proposte strategiche da rendere operative e l’identificazione
del referente del gruppo, spetta al Consiglio Nazionale U.R.C.A..

Requisiti per entrare nel gruppo:

1. essere socio U.R.C.A. e sottoscrittore del Manifesto nazionale e di quello del GFU
(comprensivo di Codice di Condotta);

2. essere in possesso di licenza di caccia valida ed essere proprietario di almeno un rapace
diurno appartenente ad una specie autoctona che, allo stato selvatico, di norma si alimenta attraverso la
caccia attiva di mammiferi e/o uccelli;

3. non svolgere, come professione, attività collegate alla detenzione, all’utilizzo, all’esposizione
al pubblico di rapaci che portino un qualsiasi utile pecuniario o di immagine e/o collegate
alla vendita/cessione di rapaci, salvo gli allevatori che riproducono rapaci diurni di specie
autoctone nel rispetto delle normative internazionali e comunitarie e che commerciano
esclusivamente i prodotti del proprio allevamento nel rispetto del Codice di Condotta del
GFU;

4. aver ricevuto parere positivo dopo la presentazione dell’apposita domanda di ammissione,
che viene vagliata dal referente del gruppo insieme al Consiglio Nazionale U.R.C.A..